News

Inserto il Domenica 14 Settembre 2014

VENERDÌ 12 SETTEMBRE CON IL DOTTOR MASSIMILIANO REBAUDENGO SI È PARLATO DI JU JUTSU

Venerdì 12 Settembre presso lo SPORTING CLUB di Mondovì si è tenuto il sesto meeting del 2014 del Panathlon Club Mondovì, primo dopo la pausa estiva. Ad animare la serata è stato il Dottor MASSIMILIANO REBAUDENGO, Presidente dell’ Associazione Sportiva di JIU JITSU “A.S.D. FU SHINDO RYU” di Mondovì, il quale ha intrattenuto i numerosi partecipanti sul tema “ JIU JITSU: la Dolce Arte-l’ Arte dei Samurai”.  

Il Dottor REBAUDENGO ha iniziato il proprio intervento illustrando la storia del Jiu Jitsu, che è un'arte marziale giapponese ed una vera e propria filosofia di vita, il cui nome deriva da jū ("flessibile", "cedevole", "morbido") e jutsu ("arte", "tecnica", "pratica"). Veniva talvolta chiamato anche taijutsu (arti del corpo) oppure yawara. Il jūjutsu era praticato dai bushi (guerrieri), che se ne servivano per giungere all'annientamento fisico dei propri avversari, provocandone anche la morte, a mani nude o con armi.
Il jūjutsu è un'arte di difesa personale, che basa i suoi principi sulle radici del nome originale giapponese: Hey yo shin kore do, ovvero "Il morbido vince il duro". In molte arti marziali, oltre all'equilibrio del corpo, conta molto anche la forza di cui si dispone.

Nel jujitsu, invece, la forza della quale si necessita proviene proprio dall'avversario: pertanto più si cerca di colpire forte, maggiore sarà la forza che si ritorcerà contro. Il principio, quindi, sta nell'applicare una determinata tecnica proprio nell'ultimo istante dell'attacco subito, con morbidezza e cedevolezza, in modo che l'avversario non si accorga di una difesa e trovi, davanti a sé, il vuoto. Successivamente il relatore ha illustrato l’ attività più propriamente sportiva dell’ A.S.D. FU SHINDO RYU Mondovì, ricordando i numerosi successi ottenuti negli anni, fra cui spicca la vittoria della Coppa Italia 2012.
Infine i soci hanno sottoposto l'ospite ad un vero fuoco incrociato di domande per soddisfare curiosità ed avere notizie più particolari sul Jiu Jitsu, domande a cui il Dottor Rebaudengo ha risposto sempre con grande cortesia e precisione.


Inserto il Domenica 15 Giugno 2014

ALLA CONVIVIALE DI GIUGNO DEL PANATHOLN CLUB MONDOVÌ L’AVVOCATO STEFANO TAROLLI HA PARLATO DELLA “TUTELA DEGLI ATLETI DI VERTICE”

Mercoledì 11 Giugno si è tenuto presso lo “SPORTING CLUB” di Mondovì il ritrovo conviviale del mese di Giugno 2014 del Panathlon Club Mondovì, sesto di questo 2014 ed ultimo prima della pausa estiva.
Relatore della serata è stato l’Avvocato monregalese Stefano Tarolli, il quale ha intrattenuto i numerosi partecipanti sul tema la “Tutela degli atleti di vertice”.

Già Team Manager del Circolo Canottieri Aniene di Roma (2007/2012), a tutt'oggi consulente sportivo di una dozzina di atleti di varie discipline (atletica leggera, nuoto, tuffi, scherma, ginnastica ritmica, volley e sci alpino), l'Avvocato Tarolli si è soffermato, in un'ora circa di relazione, sulle varie dinamiche che afferiscono alla gestione ed alla tutela contrattuale degli atleti di vertice. Dopo una panoramica sui rapporti con le Federazioni di appartenenza e con i Gruppi sportivi, la relazione si è in particolar modo concentrata sui contratti di sponsorizzazione, tecnici ed extratecnici, e, più in generale, sul complesso tema della tutela dell'immagine. Sul finale uno sguardo al calcio, ed in particolare al ruolo dell'avvocato nella gestione dei contratti di ingaggio, alla luce del Regolamento Agenti del 2007 ed in vista delle possibili modifiche allo studio della F.I.F.A.

Successivamente i soci hanno sottoposto l'ospite ad un vero fuoco incrociato di domande per soddisfare curiosità ed avere notizie più particolari, domande a cui l’ Avvocato Tarolli ha risposto sempre con grande cortesia ed estrema precisione.


[ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 ]